Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘J. R. R. Tolkien’ Category

Il Silmarillion

Recensione a cura di Shahrazad

“Il Silmarillion” iniziato nel 1917 e la cui elaborazione é stata proseguita da Tolkien fino alla morte, rappresenta il tronco da cui si sono diramate tutte le sue successive opere narrative.

Un opera potente,magica anche se non di facile lettura, probabilmente, quella a cui lo scrittore teneva di più, che rimase incompiuta e che uscì postuma, ma che mantiene intatta la magia dello straordinario universo in essa descritto.

Per chi ha letto il Signore degli Anelli, il Silmarillion é una chiave di lettura importantissima, possiamo parlare come della”genesi” della Trilogia scritto con la stessa potenza visiva, ma con qualcosa in piu’, ricco di numerosi aneddoti permette la comprensione degli accenni alle prime ere fatte dai personaggi della Trilogia, un libro affascinante anche nelle sezioni dedicate alle genealogie. Lo stile di scrittura é un po’ complesso, rende il senso dell’epico mitologico come nessun altro fantasy. Dalla creazione del mondo Tolkeniano sino alla fine della Terza Era, trasporta il lettore in un altra epoca, con un susseguirsi di eventi magici e ovattati, facendo apparire ” vero” ogni singolo avvenimento. Tra tutti i libri dell’autore questo, é quello nel quale gli Elfi sono piu’ presenti, punto positivo per chi ama queste splendide creature che Tolkien ha creato in modo del tutto differente da quelli della tradizione mitica celtica o nordica. Un libro profondo che tocca il cuore, per chi ama vivere nel sogno. Valori come l’onore e la fedeltà sono all’ordine del giorno. Chissà che non si possa imparare da un mondo irreale. Superbo!

Read Full Post »

Il Signore degli anelli

Recensione a cura di Shahrazad

…Un anello per domarli,un anello per trovarli,un anello per ghermirli e nel buio incatenarli, nella Terra di Mordor dove l’Ombra cupa scende…

Questa frase scolpita in lingua elfica,viene letta da Gandalf il Grigio a Frodo giovane hobbit,sulla parte interna di un anello……forgiato molti anni prima da una Forza Oscura.

Nani, elfi, guerrieri e maghi…..e poi, la sterminata quasi sacrale fantasia di Tolkien, che come un demiurgo, ha creato un intero universo, gli ha impresso il soffio vitale e lo ha lasciato correre verso il suo destino. Incontreremo personaggi, come quelli della Compagnia dell’Anello e ne apprezzeremo gli ideali, quali l’onestà, la lealtà, il coraggio, la testardaggine e l’amore per il prossimo.

Incontreremo gli Elfi con le loro canzoni e storie sempiterne, l’amore tra Aragorn ed Arwen, l’amicizia tra Legolas di Bosco Atro con Gimli il Nano; il rispetto e l’amore per un mondo migliore. La distruzione dell’Anello é in realtà una liberazione da una schiavitù e da una condizione non più sopportabile. Tolkien ci catapulta in un mondo parallelo eppure straordinariamente reale, un non luogo che si ha tuttavia la sensazione di conoscere, in cui ci si muove insieme ai personaggi fin dalle prime pagine del libro. Le descrizioni lunghe e accurate, permettono al lettore di percorrere con la fantasia le strade della contea, le terre di Rohan, di salire fino alla cittadella di Minas Tirith o di trovarsi avvolti dall’oscurità di Mordor. Il linguaggio utilizzato dall’autore é aulico in alcuni momenti, ma questo non disturba in alcun modo il fluire della lettura, anzi serve a far meglio comprendere l’animo dei personaggi, la loro nobiltà e le loro bassezze inducendo il lettore ad identificarsi di volta in volta con uno dei protagonisti sperimentando la sua stessa forza e le sue debolezze: ci si trova a ragionare, sentire e agire come Frodo, Aragorn, Faramir, Sam, Gollum…

Il Signore degli anelli è una vera e propria vicenda epica in cui ogni singolo tassello è indispensabile alla comprensione del tutto, ogni gesto, ogni parola ha un peso fondamentale che solo con il fluire della storia diverrà palese.

Che dire….Leggere questo libro è una grande avventura e si giunge alla fine quasi con dispiacere, con il desiderio di poterla rivivere ancora. E’ un romanzo splendido che vorrei consigliare a tutti, anche alle persone più razionali che credano erroneamente di trovarsi di fronte ad una semplice “favola”.

Read Full Post »