Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Chiara B’ Category

venuto al mondo

Recensione a cura di Chiara B

Due giovani protagonisti, Diego e Gemma, moderni e contemporanei, uguali eppure diversi. Lui fotografo indipendente, esuberante, lei fiorente laureata che sta per coronare la sua vita ordinatissima con il matrimonio. Le loro diversità subito si attraggono. Da qui il romanzo si snoda, le vicende segnano un ritmo cadenzato che fanno palpitare questo libro di una vita propria. Sullo sfondo Sarajevo dilaniata dalla guerra, squarciata all’interno dai suoi figli.

L’assedio di Sarajevo diventa il tumulto interiore dei nostri protagonisti quando scopriranno che il frutto del loro amore non potrà mai nascere. La loro sterile unione corrode il loro amore appassionato; tutti i vani tentativi biologici inaridiscono l’animo. L’unico luogo di salvezza diventa proprio Sarajevo, perché le fiamme che ardono in quell’inferno potranno bruciare lo spettro della loro fine, di quella segreta velleità che sta in fondo alla loro unione perfetta.

Così la guerra di Margaret Mazzantini acquista un effetto terapeutico e diventa l’unica speranza di un futuro. Passato e presente si intrecciano, si svelano l’uno all’altro, i personaggi si incrociano, i luoghi tanto distanti quanto dissimili si sovrappongono come in un vero e proprio romanzo epico.

Read Full Post »

la solitudine dei numeri primi

Recensione a cura di Chiara B

Paolo Giordano è un giovane laureato in fisica che si improvvisa scrittore e questo suo primo libro diventa subito un best-seller, vince il Premio Strega ed il Premio Campiello nel 2008. La solitudine dei numeri primi è un romanzo introspettivo, dove il malessere dei due protagonisti affiora lentamente in seguito a due avvenimenti che li segneranno ciascuno in modo irreversibile.

Alice da bambina non amava sciare, malvolentieri acconsentirà alla volontà del padre di seguire una scuola di sci, finchè un giorno si allontana sola sulla neve e finisce in un canale dove sarà ritrovata dopo molte ore con una gamba ormai compromessa.
Mattia è un bambino sano, carino ed intelligente ma deve condividere i suoi compagni di classe, i suoi giochi e le sue giornate con la sorella gemella Michela, che è ritardata. Per questo è deriso dagli altri e quasi sempre escluso. Un giorno però viene invitato ad una festicciola insieme alla sorella. Mattia non è contento, immagina come sarà beffeggiato dai suoi compagni, così decide di lasciare Michela nel parco, pensando di passare a prenderla dopo. Non la rivedrà mai più.

Le vite ormai psicologicamente segnate dei due protagonisti si incroceranno, si prenderanno per mano, si faranno compagnia, ma la solitudine che sta dentro di loro permane e non potranno mai unirsi, proprio come i numeri primi che sono vicini tra di loro ma non si potranno mai toccare perché nel mezzo c’è sempre un numero pari. Un romanzo tenero e spietato, che dimostra come l’amore non sempre vince. Ciò che rimane è un’emozione avvincente e la speranza feroce che dà vita ad un tormentato finale.

Read Full Post »

la fine è il mio inizio

Recensione a cura di Chiara B

Sempre alla ricerca della verità, Tiziano Terzani l’ha cercata nei fronti di guerra, in Vietnam, in Cambogia, in Cina, ma la sua verità è una rivelazione sussurrata alle orecchie del figlio negli ultimi giorni della sua vita. La sua flebile voce diventa un grido che squarcia il muro del silenzio nella nostra società occidentale, le sue parole penetrano l’animo e ci insegnano ad amare. Amare noi stessi, gli altri, il mondo, perchè la verità è la vita, unica ed irripetibile e va vissuta liberamente senza condizioni ne preconcetti guardando dentro noi stessi e abbracciando semplicemente la nostra natura.

“Vorrei che il mio messaggio fosse un inno alla diversità, alla possibilità di essere quello che vuoi”

Pagine esemplari di antologia che diventano per il lettore una vera dottrina.

Read Full Post »

ti ricordi di me

Recensione a cura di Chiara B

Un libro giovane, brillante, dove ogni pagina cattura curiosità. Si parte dai toni scanzonati di una venticinquenne bruttina e sfortunata su tutti i fronti, per poi finire nel mondo più esclusivo dei ricchi tra convegni e arredamenti loft.

In realtà Lexi si sveglia in ospedale e scopre di avere 28 anni, scopre di non ricordare affatto gli ultimi tre anni della sua vita, scopre di essere ricca, di essere anche più bella, molto più bella… ma scoprirà pure che questa nuova Cenerentola non le appartiene, come non le appartiene quel principe azzurro che non ricorda neppure d’aver sposato.

Un romanzo ideale per sorridere ma anche per riflettere sul nostro “alter ego”.

Read Full Post »