Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘*Lady Beith*’ Category

twilight

Recensione a cura di *Lady Beith*

Twilight – fenomeno, ovvero: quel fenomeno di Stephenie Meyer. Vedo il profilo della copertina e lo impugno senza pensarci due volte. Tratto bene il libro, perché so che lo leggerò ancora tantissime volte, eppure con lo sguardo lo divoro. Ho iniziato all’incirca a mezzanotte, ma non ho mollato la mia copia di Twilight finché non sono arrivata all’ultimo punto. Poi ho sospirato, e ho preso a fantasticare. Ahimè..la mia integrità mentale si è perduta al secondo capitolo..eppure è così ogni volta.

Sto parlando del fenomeno intergenerazionale nato dalla penna di Stephenie Meyer, scrittrice americana bella e brava, e della sua saga di quattro libri: Twilight, New Moon, Eclipse e Breaking Dawn; è la storia d’amore che sostituisce Romeo e Giulietta nella mente degli adolescenti di ultima generazione, condita con tanti riferimenti agli amanti di Verona, a Cime Tempestose e altre celebri coppie letterarie; è una finestra nel mondo
degli adolescenti, che a quanto pare è lo stesso in cui vivono vampiri e licantropi, e in cui le feste danzanti creano sempre numerosi problemi.

Ma qual è il suo punto di forza? Che tutto è verosimile. Non ti fermi, a metà di pagina 231, per chiederti se credi o no nei vampiri. Tu ci credi e le descrizioni accurate e sempre brillanti ti catapultano dentro la vicenda: “la sua voce era una come una cucchiaiata di miele” dice la Meyer… e tu non hai alcun dubbio che debba essere la voce più dolce e suadente del mondo. L’amore che i protagonisti provano l’uno per l’altro è intenso e struggente, come sempre è agli occhi dei più giovani, e come sempre sognano coloro che hanno qualche anno in più. È come se stessero sempre all’inizio della loro relazione, in quel limbo favoloso dove i difetti sono deliziose particolarità, e i battibecchi sono la fine del mondo.

Sarebbe tutto molto banale lo stesso, se tutto finisse qua; ma questa relazione cresce e matura insieme ai ragazzi, e la vicenda diventa sempre più seria man mano che prosegue.
Quelli che erano problemi da ragazzi nel primo volume, diventano questioni vitali nell’ultimo. Quelli che sembravano adolescenti, diventano adulti con lo scorrere delle pagine di ogni libro. Edward non è un bellissimo vampiro per di più super romantico; è un ragazzo all’antica, col vizio di voler bere il sangue della ragazza che ama. È pieno di difetti e risolve tutti i suoi problemi leggendo nella mente altrui, diventando quasi impacciato con chi non riesce a sondare.
Bella non è una timida e impacciata ragazza con un serio problema di equilibrio, è una ragazza che diventa donna, che sceglie con coscienziosità a proposito della vita e della morte; che riesce a non impazzire trovandosi di fronte ai non-morti; ma che razionalizza tutto e agisce.

In conclusione, nella saga di Twilight si parla di adolescenza, di amore, di vampiri, di licantropi. Ma anche di scelte di vita, di compromessi, di anime che si trovano e non vogliono lasciarsi. Leggere un libro di Stephenie Meyer vuol dire immergersi totalmente nel mondo di Bella, piangere quando lei piange, amare quando lei ama. Non si può fare a meno di restare col naso incollato alle pagine del libro finché non arrivi alla parola fine.
Edward Cullen, del resto, è il ragazzo che quasi tutte sognano, e non è assolutamente perfetto. Andando avanti, insieme a Bella ci fa innamorare, ci delude, ci lascia senza parole e poi ci fa innamorare ancora. È un personaggio assolutamente a metà tra finzione e realtà: sufficientemente reale da fartelo sognare la notte, ma sufficientemente finto da farti capire che se lui è il tuo canone, resterai per sempre delusa…

Read Full Post »